L'Italia delle Faide – 4 febbraio incontro pubblico a Firenze … RINVIATO

 Causa avversità meteo l’ incontro di Sabato 4 febbraio per la presentazione del libro “FAIDE, L’IMPERO DELL’’NDRANGHETA” è RINVIATO A DATA DA DESTINARSI

http://www.firenze5stelle.com/2012/02/03/annullato-lincontro-faide-del-4-febbraio-a-firenze/

La Mafia, in tutte le sue manifestazioni, incarnata nella storia del nostro Paese, con radici in ogni settore , continua a manovrare i fili di un economia che non conosce crisi, quella della malavita organizzata

Non possiamo credere di cambiare le cose senza affrontare quest’enorme piaga.

Grazie al timore che incute è riuscita a crescere e ad insediarsi, a volte subdola e mascherata, con  riciclo di denaro o imprese varie, altre nella sua vera origine,  mostrando al mondo intero tutta la sua crudeltà e ferocia.

Il Movimento 5 stelle di Firenze sostiene la campagna contro tutte le forme malavitose: Ndrangheta, Mafia, Camorra…..che, a parte il nome, sono accomunate da dinamiche di potere e repressione, con il solo scopo di lucrare, coinvolgendo persone innocenti e Sabato 4 febbraio alle ore 21:00 presso i locali del Multiverso – Via Campo D’Arrigo 40/42 r a Firenze in zona Mandela Forum sarà l’occasione di confronto con tre persone che da parti diverse d’Italia s’impegnano con tutte le mafie.

Con Biagio Simonettapresentazione del suo libro FAIDE – l’impero della ‘Ndrangheta.

Faide è un romanzo dove non c’è finzione. È un pugno nello stomaco, un racconto che nasce nelle viscere della Calabria più dura, quella della ’ndrangheta e dell’emigrazione, e attraversa l’Europa in un viaggio dentro l’impero sconfinato dei clan.

L’autore entra nelle stanze buie delle ’ndrine, traccia la mappatura dello spaventoso potere economico del sistema criminale calabrese attraverso le storie di chi ne fa parte, di chi è scampato per un soffio, di chi ne è stato travolto. 

Un viaggio nell’inferno della ’ndrangheta di cui viene mostrato il volto truce delle faide insieme a quello più «pulito» dell’imprenditoria, un «romanzo della realtà» per raccontare quello che è diventato il più grande sistema criminale del nostro tempo.

 

Con Salvatore Calleri, Presidente della Fondazione Caponnetto.
Dal 1992 fino al 6 dicembre 2002 è stato uno dei più stretti collaboratori di Antonino Caponnetto, padre del pool antimafia di Palermo.

La Fondazione Antonino Caponnetto, ha come presidenti Elisabetta Baldi Caponnetto, moglie di Nino, e Salvatore Calleri, che sono anche due dei soci fondatori insieme all’Associazione Professionale Galasso, la sezione di Palermo dell’Associazione Nazionale Magistrati e l’Associazione Riferimenti.

Ha promosso, quale suo primo atto, la pubblicazione di alcuni degli scritti del giudice a cura di Salvatore Calleri.A Salvatore Calleri è stato assegnato il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri negli anni 1975, 1990, 1995, 2002 e 2004.

“Auspichiamo per ottenere ciò la creazione di una classe politica nuova che venga formata dall’esperienza della migliore antimafia odierna che da sola non basta a fronteggiare la mafia”.  Salvatore Calleri

Per info:

http://www.antoninocaponnetto.org

http://www.salvatorecalleri.blogspot.com/

 

Con Christian Abbondanza, Presidente dell’Associazione ” “Casa della Legalità e della Cultura”.

L’Associazione, trae origine dalle lotte per il rinnovamento e la moralizzazione del Paese, s’impegna a promuovere in Italia la più ampia educazione all’attività civica, alla legalità e giustizia sociale, per favorire sempre più elevati livelli di democrazia, di correttezza dei comportamenti istituzionali, di libertà ed uguaglianza dei cittadini, di funzionalità dei pubblici servizi, di rispetto e solidarietà nei rapporti umani e civili, d’apertura a relazioni pacifiche e costruttive con i popoli e le democrazie d’Europa e del mondo.

E’ nell’elevazione morale, civile e cultura di ogni cittadino che l’associazione ritiene si possa costruire una radicata cultura antimafia, capace di diffondersi nella società e contrastare, nella collaborazione con gli organi preposti dello Stato, la presenza e le attività delle mafie, italiane e straniere.

L’associazione è inoltre impegnata nella realizzazione dell’attività dell’«Osservatorio sulla Criminalità e le Mafie». L’associazione è inoltre anche impegnata nella realizzazione dell’«Osservatorio sui reati ambientali» dell’«Osservatorio sulla trasparenza e la correttezza della Pubblica Amministrazione» e dell’«

Osservatorio sull’edilizia ed il partito del cemento». Per dette attività può collaborare con altri soggetti esterni che abbiano compatibilità statutaria.

Per info:

 
Vi aspettiamo quindi Sabato 4 febbraio alle ore 21:30